Tag Archives: esternalizzazioni

Appalti al ribasso del costo del lavoro: strategie e tutela per i lavoratori

Appalti al ribasso del costo del lavoro: strategie e tutela per i lavoratori

Esiste un bacino enorme di lavoratori cd. “in appalto” che giorno dopo giorno vive con l’angoscia della perdita del posto di lavoro (o del ridimensionamento dei diritti, specialmente quelli di natura economica), dettata dal fatto che il proprio futuro lavorativo dipende dal mantenimento delle commesse, per lo più concesse da grandi realtà imprenditoriali, molte delle quali giocano

Lavoratori, appalti, trasferimenti e societarizzazioni: cosa c’è da sapere

Cos’è la societarizzazione? La societarizzazione in materia di tutela dei lavoratori non è un termine propriamente giuridico, generalmente sta ad indicare una esternalizzazione di attività e dipendenti verso una società costituita ad hoc in occasione del trasferimento, possibilmente controllata proprio da chi cede il ramo d’azienda, a cui affidare (nella maggior parte dei casi) l’appalto

Una indagine sul lavoro nei call center nel libro “Il ricatto dei mercati”

Una indagine sul lavoro nei call center Alcuni estratti da “Il ricatto dei mercati” … il vero campanello d’allarme relativo alle trasforma­zioni del capitalismo contemporaneo era giunto dal mondo dei call center, una delle massime espressioni della struttura della new economy. Mentre il Paese era concentrato ad accogliere l’ingresso della moneta unica, abbagliato dalle esaltanti

Lavoratori bancari a rischio: attenzione alle esternalizzazioni e alle deroghe al CCNL del Credito

dott.ssa Lidia Undiemi e avv. Ernesto Maria Cirillo Moltissimi lavoratori coinvolti in cessioni di ramo d’azienda e “societarizzazioni” stanno agendo in giudizio per riottenere il proprio posto all’interno della banca. Le battaglie legali attualmente in corso sono complesse e delicate, ma rappresentano certamente un valido strumento di difesa (forse l’unico) della propria “stabilità” lavorativa per

Diritti dei lavoratori in tempo di crisi: magistratura ultima “spiaggia”

Da circa otto anni lavoro sul campo in difesa dei lavoratori esternalizzati, in assenza di una seria riforma che limiti “a monte” questa sofisticata forma di precarizzazione del lavoro – ecco le mie proposte (di legge) – l’unica speranza per coloro che rischiano di restarne vittime è la magistratura del lavoro.  Di seguito una sentenza

La Corte di Giustizia riaccende il dibattito: confermata la ”autonomia funzionale” e il requisito della “preesistenza” nell’art. 2112 c.c.

 Avv. Ernesto Cirillo e dott.ssa Lidia Undiemi 20 marzo 2014   Nel dibattito italiano, la sentenza della Corte di Giustizia Europea (Cgue – Sentenza 6 marzo 2014 – Causa C 458/12) – stimolata da un rinvio pregiudiziale del Tribunale di Trento in merito ad un caso di cessione di ramo di azienda, ex art. 2112

Iacona e gli “esternalizzati” Telecom: i politici non sono lo specchio del paese.

Si dice che la classe dirigente italiana sia lo specchio del paese. Probabilmente anche io sarei arrivata alla stessa conclusione se non avessi scelto di lottare in prima linea assieme a coloro che si sono ritrovati a difendere il posto di lavoro contro tutto e tutti. Mi sembra ieri, eppure sono passati circa otto anni

Altra vittoria contro le esternalizzazioni: importanti spunti di difesa!

In una recentissima sentenza della Corte di Appello di Napoli, n. 1238/2013, emerge un interessante orientamento della giurisprudenza del lavoro secondo cui la mancata cessione dei software di gestione dei servizi nell’ ambito del quale continuano ad operare i dipendenti ceduti non consente di qualificare il ramo di azienda trasferito ai sensi dell’ art. 2112

Crisi occupazionale Eutelia/Agile: l’infinita vergogna di un paese inquinato da ridicole logiche politiche. Solo l’asso nella manica del sindacato può salvare i lavoratori da questa ragnatela.

1) La conferma da parte del giudice dell’antisindacalità della condotta ex art. 28 Stat. Lav. Sul trasferimento Eutelia/Agile comporta il rientro in Eutelia dei dipendenti ceduti? Le motivazioni della sentenza di secondo grado possono essere più o meno condivisibili, ciò che è invece discutibile e che merita chiarezza è la (non) conclusione del giudice circa

Lettera aperta al prof. Trento: chiariamo la posizione del partito sulle privatizzazioni

Caro prof. Trento, le scrivo per dirle che non sono d’accordo con quanto da lei scritto nell’articolo “Privatizzazioni contro parentopoli e scarsa efficienza”, pubblicato il 18 dicembre sul sito www.italiadeivalori.it. Nell’ottica del dialogo costruttivo, credo sia necessario che ci confrontiamo su questi temi: diritto ed economia sono due facce della stessa medaglia. In Italia centinaia

Top
Lidia Undiemi