Undiemi, intervento Omnibus La7: reversibilità e ipocrisia del governo che toglie i diritti e si occupa di povertà

Di seguito il video del mio ultimo intervento alla trasmissione Omnibus La7, per discutere della proposta del governo di intervenire sulle pensioni di reversibilità.

Il disegno di legge delega  “per il contrasto alla povertà, il riordino delle prestazioni e del sistema degli interventi e dei servizi sociali (scusate l’imprecisione “proposta”) prevede un riordino delle prestazioni previdenziali e assistenziali.

Sul tema infuriano le polemiche poichè emerge chiaramente come l’obiettivo sia quello di intervenire, ancora una volta, sulle pensioni degli italiani. La previdenza è ormai divenuta un “bancomat”, ed ancora una volta si cerca di far digerire l’intento politico creando uno scontro generazionale: “i giovani stanno pagando le ricche pensioni degli anziani!”. Ho affrontato anche questo tema sottolineando che bisogna smetterla di strumentalizzare i “figli” per togliere i diritti ai “padri”, così come accaduto con il Jobs Act.

Come si fa a pensare ad una seria riforma delle pensioni se non si considera il contesto macropolitico e macroeconomico: la crisi nazionale ed internazionale, la disoccupazione e la precarietà che rendono impossibile una continuità contributiva, la distruzione dei diritti del lavoro che hanno notevolmente ridotto il potere di contrattazione dei lavoratori, che saranno sempre più poveri.

Il governo Renzi che ha abolito e ridimensionato importanti diritti sociali vuole discutere di lotta alla povertà? Non “poveri assistiti”, ma cittadini autonomi con un lavoro dignitoso, questa dovrebbe essere la politica di una maggioranza.

Come si può inoltre negare che la delega non mira, seppur implicitamente (si veda la relazione tecnica relativa alla legge delega), ad un ulteriore taglio delle pensioni di reversibilità? Visto che il provvedimento – fermo restando che non può comportare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica – è realizzato nell’ottica di una razionalizzazione della spesa?

http://www.dailymotion.com/video/x3sh8w8_lidia-undiemi-interventi-pensioni-reversibilita-16-02-2016_news

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

About the Author

Lidia Undiemi
Esperta in materia di tutela dei lavoratori nelle trasformazioni di impresa. Dottore di ricerca in Diritto dell'Economia, dei Trasporti e dell'Ambiente. Titolo conseguito presso l'Università degli Studi di Palermo nell'aprile del 2010. Caporedattore della rivista scientifica di Diritto dell'Economia, dei Trasporti e dell'Ambiente - GIURETA (www.giureta.unipa.it). Attualmente non ho alcun incarico all'Università di Palermo, continuo comunque ad impegnare gran parte del mio tempo in studi giuridici ed economici. Per tale ragione, preferisco essere definita semplicemente studiosa di diritto ed economia. Ho realizzato un progetto scientifico e politico contro la crisi dell'economia reale e dei posti di lavoro causata dalla speculazione finanziaria. Il mio impegno politico gratuito in difesa dei lavoratori e contro la speculazione è iniziato nel 2008 (parallelamente al corso di dottore di ricerca) e finirà soltanto quando tale piaga sociale sarà eliminata. La ricerca e la conoscenza sono le "armi democratiche" più temute dai tiranni.

2 Comments on "Undiemi, intervento Omnibus La7: reversibilità e ipocrisia del governo che toglie i diritti e si occupa di povertà"

  1. Ottimo intervento Lidia: la questione della reversibilità è la diretta imposizione della Commissione e della BCE di tagliare la spesa pensionistica che il Governo ha declinato in questo modo. E’ il solito metodo Juncker: mettiamo sul piatto una proposta e se il popolo non dice niente perchè non capisce cosa è scritto nella proposta, si va avanti fino al punto di non ritorno.
    Stavolta è andata male, per fortuna.

  2. Si, tra l’altro più che proposta si viene a dire che era una bozza di idee a firma di non so chi. Comunque chi lavora a partita iva sa che è così, quindi grazie Lidia per essere riuscita a esporre la verità anche se poi non è che possa “trapelare” su RAI o Mediaset che ieri invece di parlare di passi indietro sull’approvazione della legge sulle unioni civili si descriveva il “supercanguro”, mitico animale, e al contempo si minimizzava di queste coltellate alle spalle della brava gente.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


quattro × 3 =