Diritti dei lavoratori in tempo di crisi: magistratura ultima “spiaggia”

Da circa otto anni lavoro sul campo in difesa dei lavoratori esternalizzati, in assenza di una seria riforma che limiti “a monte” questa sofisticata forma di precarizzazione del lavoro – ecco le mie proposte (di legge) – l’unica speranza per coloro che rischiano di restarne vittime è la magistratura del lavoro.
 Di seguito una sentenza molto importante per la tenuta del sistema di tutele in tale ambito.

La Cassazione ha ribadito la necessità della preesistenza del ramo d’azienda in caso di cessione, anche alla luce della recente sentenza della Corte di giustizia UE n. C-458/12.

La Corte, nella sentenza n. 9641/2014, ha affermato a più riprese che per “ramo d’azienda“, ai sensi dell’art. 2112 cod. civ., sia nel testo previgente che in quello modificato in applicazione della Direttiva CE n. 50/96 dal d.lgs. 2 febbraio 2001, n. 18, deve intendersi “ogni entità economica organizzata in maniera stabile la quale, in occasione del trasferimento, conservi la sua identità“, il che fa presupporre ”una preesistente realtà produttiva autonoma e funzionalmente esistente, e non anche una struttura produttiva creata ad hoc in occasione del trasferimento, o come tale identificata dalle parti del negozio traslativo, essendo preclusa l’esternalizzazione come forma incontrollata di espulsione di frazioni non coordinate fra loro, di semplici reparti o uffici, di articolazioni non autonome, unificate soltanto dalla volontà dell’imprenditore e non dall’inerenza dei rapporti di lavoro ad un ramo di azienda già costituito“.

Ne consegue che la disciplina dettata dall’art. 2112 cod. civ. trova applicazione anche in caso di cessione di parte dello specifico settore aziendale, “purchè si tratti di un insieme organicamente finalizzato ex ante all’esercizio dell’attività d’impresa, con autonomia funzionale di beni e strutture già esistenti al momento del trasferimento, e dunque non solo teorica o potenziale“.

La decisione in parola ha dunque provveduto a fornire l’esatta lettura ed interpretazione della sentenza 6 marzo 2014 n. C-458/12 della Corte di giustizia UE dalla quale risulta, infatti, che non si ha trasferimento di ramo d’azienda qualora il ramo non preesista alla cessione, spettando all’ordinamento nazionale, in tal caso, garantire il lavoratore.

Clicca qui per scaricare la sentenza (Cass_9641_2014)

Fonte: www.legalicirillo.it

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

About the Author

Lidia Undiemi
Esperta in materia di tutela dei lavoratori nelle trasformazioni di impresa. Dottore di ricerca in Diritto dell'Economia, dei Trasporti e dell'Ambiente. Titolo conseguito presso l'Università degli Studi di Palermo nell'aprile del 2010. Caporedattore della rivista scientifica di Diritto dell'Economia, dei Trasporti e dell'Ambiente - GIURETA (www.giureta.unipa.it). Attualmente non ho alcun incarico all'Università di Palermo, continuo comunque ad impegnare gran parte del mio tempo in studi giuridici ed economici. Per tale ragione, preferisco essere definita semplicemente studiosa di diritto ed economia. Ho realizzato un progetto scientifico e politico contro la crisi dell'economia reale e dei posti di lavoro causata dalla speculazione finanziaria. Il mio impegno politico gratuito in difesa dei lavoratori e contro la speculazione è iniziato nel 2008 (parallelamente al corso di dottore di ricerca) e finirà soltanto quando tale piaga sociale sarà eliminata. La ricerca e la conoscenza sono le "armi democratiche" più temute dai tiranni.

Be the first to comment on "Diritti dei lavoratori in tempo di crisi: magistratura ultima “spiaggia”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


13 − dieci =