M5S: il mio augurio è la condivisione di un progetto contro le “scatole cinesi”

5_stelle

Cari attivisti del M5S,

l’ultimo anno è stato davvero molto difficile, per me, per voi e per la maggior parte dei cittadini che stanno subendo i soprusi di un potere sempre più arrogante e aggressivo.

Il messaggio che ho deciso di dedicarvi non è incentrato su una dichiarazione di voto ma su qualcosa che per me è molto più importante, una idea alla quale ho dedicato gli ultimi anni della mia vita con non pochi sacrifici (clicca qui per scaricarla).

Visto il modo lodevole e straordinariamente “pulito” con cui avete sostenuto le battaglie da me condotte negli ultimi mesi desidero donarvi la condivisione della realizzazione di un progetto politico finalizzato a scardinare quello che a mio parere rappresenta il più grande bluff dei sistemi economici e sociali moderni, noto come “gioco delle scatole cinesi”.

Non vi anticipo altro e vi rimando alla lettura del testo e dell’articolo di presentazione pubblicati nel mio sito (www.lidiaundiemi.it).

NON E’ CONSENTITO L’UTILIZZO DELLA PROPOSTA DI LEGGE E DELLO STUDIO DA CUI ESSA DERIVA SENZA AUTORIZZAZIONE DELL’AUTORE, CHE COMPRENDE UN PROGETTO DI ATTUAZIONE VOLTO ALLA SUA EFFETTIVA CONDIVISIONE DA PARTE DELLE CATEGORIE SOCIALI COINVOLTE.

Ultimamente sono stata completamente assorbita dal contrasto alle politiche di austerità che a breve si abbatteranno su persone ignare e indifese per colpa di una classe politica che fra consensi e colpevoli silenzi ha messo nelle mani di pochi “potenti” le “armi” per l’imposizione delle politiche “lacrime e sangue”.

Sarà una legislatura molto difficile, la situazione precipiterà nell’arco di pochissimi mesi, tenteranno di abbagliarvi e di spaventarvi con argomenti complessi e proponendovi strumenti apparentemente innocui, come il progetto OMT proposto da Mario Draghi che in realtà consiste nell’attuazione del fondo ESM, ossia aiuti (si fa per dire) in cambio dell’attuazione obbligatoria dell’agenza dell’austerità di fatto imposta dai grandi creditori. Per troppi mesi ho dovuto subire il silenzio di chi all’interno delle istituzioni avrebbe dovuto rappresentare il popolo, e l’opportunità che mi state concedendo ha un valore inestimabile.

Dobbiamo resistere. Anche io credo che questa legislatura avrà vita breve, ma in questi mesi delicati il futuro della nazione dipenderà dal consolidamento della vostra credibilità. Non vi è nemmeno l’ombra di un’altra forza politica che possa avere il peso del M5S nella lotta al sistema dei partiti che hanno divorato il paese, nonostante vi siano tante altre piccole realtà meritevoli di considerazione.

La proposta di legge che vorrei fare entrare in Parlamento mediante i rappresentanti del movimento rappresenta la parte migliore della mia persona e della mia vita, e come avrete modo di leggere si tratta di un potentissimo strumento di difesa contro i “mali” della nostra società.

E’ vero che “non si può mai sapere” e che come tante altre persone temo l’ennesima delusione, ma io ho avuto la fortuna di potere conoscere molti attivisti e di osservare il modo con cui trattano certi temi. Avete organizzato diversi dibattiti per consentirmi di comunicare alla gente importanti questioni politiche, avete contribuito attivamente ad evitare l’isolamento della protesta contro gli accordi intergovernativi e sono sicura che ne farete battaglia politica dentro le sedi istituzionali.

Il mio voto in vostro favore lo avete scelto voi, e vi ringrazio per averlo fatto. Mentre scrivo la mia mente riproduce gli sguardi delle tante persone che ho conosciuto in giro per l’Italia, la vostra umanità e la vostra ospitalità mi hanno aiutata a vivere con serenità e allegria i vari incontri pubblici che per una persona “normale” sono piuttosto difficili da gestire poiché tolgono un tempo non indifferente al lavoro e alla vita privata. Tutto questo nonostante in certe occasioni io abbia posto delle critiche (costruttive) al movimento che avete accettato mostrandomi con i fatti che si trattava di semplici “paure”. Non lo dimenticherò.

Vorrei dirvi tante altre cose, ma intanto vi auguro di vero cuore di raggiungere questo importante obiettivo elettorale.

PDF24 Creator    Invia l'articolo in formato PDF   
Authors

6 Comments

  1. marco said:

    Delusioni ce ne potranno essere, ma nel movimento ci sono molti che hanno fiducia nelle sue capacità. Quindi avanti tutta. Solo i “vecchi mentalmente” non hanno la capacità di provare nuove speranze.

  2. gaetano cristilli said:

    grazie per l’impegno e la dedizione, le persone come te danno un contributo decisivo al processo di democratizzazione in atto, processo che sembra finalmente condiviso e inarrestabile.

  3. NORBERTO RIVA said:

    Cara Lidia. La politica, anzi le persone, a volte ti deludono.
    Io, noin candidato, ho scelto di dare una mano attivamente al M5S, nonostante amici mi mettono continuamente pulci nell’orecchio si JP Morgan.. Ma ti assicuro che lì, con gli attivisti si è spesso parlato di MES e di Moneta a debito. Quindi anche se fosse vero quello che i dicono, ritengo comunque importante il movimento come mezzo di informazione della truffa del signoraggio bancario. Poi si vedrà. Certamente i Partiti sono complici dei proprietari delle banche, tutti i partiti.. Con M5S.. vedremo. Comunque all’interno del M5S c’è tantissima brava gente che merita, merita, merita.
    Di te che si può dire.. se non GRAZIE… continua ad essere quella persona splendida che penso tu sia, pur non conoscendoti personalmente. Buona notte e buon voto.
    Norberto Riva

  4. michele said:

    Cara Lidia sono commosso.
    Ti ho conosciuto ieri sera( martedì 26 marzo 2013 a Ballarò).
    Eri l’unica voce fuori del coro ( di mensogne ) che hai avuto il coraggio di dire la verità sul ruolo nascosto fatto giocare ai trattati europei.
    Non riesco a trovare le parole giuste di gratitudine e di affetto per ciò che fai per noi(popolo italiano).
    Io sono Abruzzese , se capiti a Chieti o a Pescara fammelo sapere perchè desidero tanto poterti conoscere e ospitare.
    Ciao e buon lavoro .
    Michele

*

Top Lidia Undiemi