Incredibile, a soli 18 anni “sfida” la politica. Intervista sul MES a Lidia Undiemi, Beppe Grillo, Elsa Fornero, Piero Fassino e Antonio Di Pietro.

Incredibile, fantastico, una ragazza di appena 18 anni decide di rompere il “silenzio” sul significato e sull’impatto degli accordi intergovernativi da cui dipende il futuro dell’Italia e dell’Europa intervistando alcuni big della politica – Beppe Grillo, Elsa Fornero, Piero Fassino e Antonio Di Pietro – preceduti da una mia intervistain cui spiego, in poche parole, le ragioni del mio dissenso che si sono trasformate in un battaglia sociale, i cui effetti saranno tangibili soltanto alle prossime elezioni nazionali.

Le risposte che mi hanno più colpita sono state quelle di Grillo e di Fassino.

Grillo ha sostanzialmente confermato alcune riflessioni tecniche e politiche da me sostenute e supportate con documenti, articoli e dossier. Un lavoro massacrante durato mesi, e a quanto pare ne è valsa la pena, grazie anche al supporto di Claudio Messora, che si è rivelato, assieme a pochi altri, un vero giornalista degno del periodo storico che stiamo attraversando.

Per quanto riguarda Fassino, invece, vorrei sottolineare che questo trattato non attribuisce maggiori poteri alla BCE ma allo stesso MES, che fuoriesce dalle istituzioni europee e dove queste mantengono praticamente un ruolo residuale rispetto al potere degli organi decisori. Per il resto, chi ha seguito la questione non ha bisogno di ulteriori chiarimenti.

Per completezza, infine, comunico che ci sono alcune imprecisioni nelle domande, assolutamente giustificabili e che non tolgono nulla alla grande professionalità mostrata dalla giovane Roberta.

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Authors

2 Comments

  1. Marco Mereu said:

    La Fornero risponde genericamente, facendo riferimento all’idea di Europa unita tanto propagandata per farci credere che faccia i nostri interessi quando dovrebbe essere chiaro a tutti che non è così (cito Jacques Attali “non è colpa nostra se la plebaglia europea è convinta che l’Unione monetaria sia stata fatta per la sua felicità”).
    Di Fassino apprezzo il fatto che si definisca un ‘non esperto’ di queste cose perché in effetti da come risponde sembra che non sappia nemmeno di cosa si stia parlando.
    Buona l’idea di Grillo sul referendum, purtroppo però la nostra Costituzione non lo consentirebbe (art.75). Ho segnalato più volte sul suo blog che dovremmo ripartire dalla riforma di tale articolo ma finora la mia proposta non ha avuto molto seguito.
    Di Pietro praticamente non risponde, molti all’interno del suo partito erano favorevoli alla ratifica del Trattato, forse se Idv alla fine si è astenuta è perchè vi erano pareri discordanti all’interno dello stesso partito, che non ha, in ogni caso, fatto opposizione sul tema.
    Noto anch’io delle imprecisioni in particolare su una domanda ma brava Roberta in ogni caso!

*

4 × tre =

Top Lidia Undiemi