E’ sufficiente un ripensamento dell’ultimo momendo dopo tanta complicità?

Clamoroso ripensamento di Italia dei Valori. Nonostante alcuni suoi esponenti abbiano proposto, assieme ad altri parlamentari, il progetto di legge per l’introduzione del pareggio di bilancio in Costituzione, il partito fa marcia indietro votando contro la modifica. Ciò è avvenuto a seguito delle numerose proteste sollevate da gran parte della società “attiva”, indiscutibile fonte primaria di voto del partito. Credo tuttavia che il popolo non se ne faccia nulla di questa “sbrigativa” presa di posizione, troppo tardi e soprattutto inutile considerato che il voto contrario di pochi senatori non conta nulla, mentre avrebbe fatto probabilmente la differenza una grande battaglia sul piano nazionale piuttosto che una prolungata e strategica complicità.

Chi pagherà questi errori? Quanto costeranno al popolo?

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   
Authors

10 Comments

  1. Gianluca Scorla said:

    Un ripensamento, sapendo che non avrebbe influito sulla sostanza, suona molto come “noi ci abbiamo provato”.

  2. silvia terribili said:

    Cara Lidia,

    nell’indifferenza generale di tutti gli altri partiti, tranne la Lega, il gesto di IdV diventa molto importante. E la società civile dovrebbe essere orgogliosa di avere “convinto” il partito dell’importanza di questa opposizione.
    Né è trascurabile la campagna contro il finanziamento pubblico dei partiti che Idv si appresta a lanciare in questi giorni con l’inizio della raccolta delle firme.
    Spero che tu rientri nel partito. Dentro puoi fare molto di più che fuori.
    In ogni caso grazie del tuo impegno!
    silvia terribili

  3. Pingback: Una pagina nera della storia di Italia per ignoranza o per che altro? | Partito Viola

  4. peppe scarpinella said:

    Trovo più interessante e giusto il discorso di un esponente Pdl, Marco Cutrufo, a proposito dei pericoli del Pareggio di Bilancio. Credo che il pensiero reale e contrario alla linea del suo partito valga più di 11 voti contrari dell’Italia dei Valori, ripensamenti frettolosi che hanno soltanto un sapore propagandistico.

  5. Marco Mereu said:

    In primis, sarebbe necessario vedere se questa retromarcia sia stata fatta perchè qualcuno si sia sentito effettivamente “sensibilizzato” dalla voce di parte della società civile o piuttosto perchè differenziarsi per qualche voto in piu’ sia facile una volta che i giochi sono fatti.
    Condivido in pieno le considerazioni della dottoressa Undiemi sull’inutilità di questa scelta e sul fatto che avrebbe fatto probabilmente la differenza una grande battaglia sul piano nazionale che doveva essere portata avanti già da tempo ancora di piu’ ove si consideri che grazie all’ampia maggioranza parlamentare che ha appoggiato questo progetto, siamo rimasti privi anche dello strumento del referendum confermativo che poteva essere la nostra ancora di salvezza da una riforma come questa.
    IdV puntava fino agli sgoccioli del governo Berlusconi ad un’alleanza col PD per vincere le elezioni successive ed è stata spiazzata dall’irrompere del governo tecnico. Tutto lascia pensare ad una sorta di opposizione “gridata” in attesa di una ricomposizione di un accordo col PD, che appare però essere poco concreta in termini di proposte pratiche di mobilitazione e lotta contro misure che vengono adottate anche in ossequio a quanto richiesto a livello comunitario.
    Esigenze di differenziazione per IdV emergono poi anche dal fatto che i sondaggi stanno indicando nel movimento di Beppe Grillo il principale raccoglitore dei consensi di quella parte di società civile che vuole esprimere un voto di reazione al sistema così come attualmente costituito.

  6. Alderico said:

    Lei si pone aspramente contro il fondo salva-stati Esm, bene allora dimostri nei fatti, non solo avendo una posizione conflittuale con il suo partito ma agendo nel concreto proponga da subito ricorso alla corte costituzionale contrao l’ESM come hanno fatto o stanno facenfo esponenti in Germania Irlanda e Lettonia, come si evince da questo articolo http://www.linkiesta.it/ricorsi-fondo-salva-stati L’ex ministro della Giustizia Herta Däubler Gmelin ha pronto un ricorso di fronte alla Corte costituzionale a Karlsruhe sia contro l’Esm, sia contro il Patto fiscale imposto da Angela Merkel ai suoi partner europei, e lei che cos fa?. C’è la possibilità di bloccare l’ESM, proponga un ricorso trovera molti che la sosterranno.

  7. Fabrizio Pirrello said:

    @Marco Mereu, spero che Lidia resti ben lontano da IDV che non merita nemmeno lontanamente un personaggio di quel calibro. La società civile ha bisogno di persone come Lidia e nessun partito è definibile espressione di società civile. Dopo aver contribuito al sacco dell’Italia oggi non pssono più definirsi rappresentativi di niente se non dei propri luridi interessi personali. Sono solo dei parassiti e come tali devono essere spazzati via dal responso delle urne. Chiunque abbia contribuito a tenere in piedi questo governo da colpo di stato deve essere mandato via. Ci sono movimenti di cittadini che non sono stati sporcati dalla politica ed è bene che si cambi registro definitivamente perchè questo vecchiume che continua a riciclarsi non potrà portare alcun beneficio alla nazione.

    • Marco Mereu said:

      Considerati i motivi per cui se ne è andata, non credo che Lidia rientrerà in Idv.
      Spesso tendiamo a pensare che lavorando all’interno di una struttura partitica possa essere piu’ facile o di piu’ forte impatto un’ attività volta a valorizzare certe battaglie. Ma alla fine purtroppo accade il contrario e proprio all’interno di quelle strutture la porta viene sbarrata.
      Non so se hai visto la domanda provocatoria che lei pone nella lettera di dimissioni riguardo a cosa possa avere avuto uno come Scilipoti per aver fatto carriera nel partito.
      La risposta è chiara: se di certe cose non si vuole parlare, chi sta zitto a riguardo ha molte piu possibilità. E’ per questo che spesso chi vuole fare politica per passione non trova spazio e viceversa tutto è piu’ facile per chi vuole farla in chiave opportunista.

  8. mauro ciccarelli said:

    E’ davvero grave che il governo Monti ( governo provvisorio tecnico) versi 125 miliardi al fondo europeo salva stati senza minimamente interpellare i cittadini italiani e con un certo silenzio della stampa più popolare.Dobbiamo quindi arguire che gli immensi sacrifici richiesti al popolo italiano servano per rimpinguare le banche centrali ,le quali poi prestano il denaro allo stato italiano ad un tasso del 6% che paghiamo ancora noi.Gli errori delle istituzioni finanziarie e le loro speculazioni ricadono direttamente sui cittadini che con questa tassazione e quella che sopraggiunge verrano ridotti alla fame .E’ giusto che noi paghiamo la crisi finanziaria che non abbiamo provocato e che è stata creata ad arte dagli speculatori internazionali che, togliendo la sovranità monetaria ai paesi dell’Europa, riducono i cittadini alla miseria per il loro smodato desiderio di ricchezza?

  9. Donna Gentile said:

    Carissima Undiemi, hai tutta la mia stima, condivido in pieno le tue conclusioni sul comportamento di alcuni di IDV , ho seguito il pARTITO SOPRATTUTTO online nella speranza di veder un partito che siede in parlamento difendere davvero i cittadini, ma la tua denuncia chiara e indiganta, mi ha fatto capire il doppio gioco, anche se con rammarico preferisco sapere la verità piuttosto che affidarmi a degli indegni nella scelta del mio voto.
    A te rivolgo una richiesta seria, sei professinalemnte perfetta, la tua indignazione è piena di sincerità, hai tutte le carte in regola … perchè non vieni a darci una mano siamo giovani e non più giovani che si sono convinti dell’importanza della MMT tu sai di che parlo, vieni , collabora con Noi ti aspettiamo a braccia aperte. Antonietta gentile

*

3 × 3 =

Top Lidia Undiemi